lunedì 9 febbraio 2015

Arancine



Il Dott. Giorgio Calabrese, nato a Rosolini, nonché mio conterraneo,in questo momento sarà fuorioso ma forse si è scordato degli arancini che ha mangiato in Sicilia durante la sua giovinezza o a questo punto devo immaginare che non ne abbia mai mangiato uno per sostenere che la frittura dovrebbe essere abolita dalla nostra dieta. Di sicuro non è giusto mangiarla tutti i giorni e per questo, dato che devo trovare una giustificazione,eccola subito qui: il gastroenterologo di mia mamma dice che la frittura “caura caura” non fa male e quindi io mi fido di lui e in questa domenica di sole, senza pensarci due volte abbiamo fritto e mangiato arancini fino allo sfinimento.
Le arancine sono un piatto della cucina araba,che nascono preparate con riso profumato di zafferano arricchito di verdure, spezie e pezzetti di carne.Venivano servite al centro della tavola in un solo,grande vassoio e, come era consuetudine anche dei nostri contadini, ognuno per mangiarne allungava le mani. Per renderlo da asporto (da veri predecessori dello street food), gli arabi ne fecero una palla simile ad una arancia, che impanata e fritta acquistò consistenza, tanto da resistere al trasporto.Inizialmente era fatta solo di riso, dato che a quel tempo il pomodoro doveva ancora arrivare dall'America infatti i primi acquisti della nobiltà siciliana di pomodoro sono datati 1852.Da quella data l'ortaggio entrò a pieno titolo nella cucina siciliana e diventò uno degli ingredienti principali del ripieno dell’arancina, ma non aveva nulla a che fare con il piatto originale che conosciamo.
Ogni volta che mangiamo gli arancini nasce una disputa sul nome,se sia femminile o maschile,ed è in questa occasione che ho sfoderato il mio sapere.Il nome dell'arancina e il fatto che sia un nome femminile,non come altri credono, proviene dal fatto che la palla di riso in questione aveva la forma e il peso di un arancia,da qui,arancina, Se si fosse chimato “arancino” avrebbe avuto la forma dell'arancio (l'albero) o di un ramo, di certo non del frutto; e dato che l'accademia della crusca ci dice che il frutto va al femminile mentre l'albero da cui ha origina va al maschile,noi ci fidiamo e la chiamiamo arancina.
Un proverbio siciliano dice “ Risu,mi calu e non mi jisu” che vuol dire” riso,mi abbasso e non mi alzo” questo perchè gli zappatori sostenevano che il riso non dava abbastanza forze per lavorare la terra. Io credo che per dirlo non avessero mai mangiato un'arancina, dato che dopo una sola mi sono sentita decisamente scoppiare. Il bello dell'arancina è che deve essere fritta al momento,mangiata a temperatura fusione e servita asciugata per bene da tutto l'olio.

La ricetta per circa dodici di queste meraviglie è questa:

                           Per il riso:
500 gr. riso per risotti
1 cipolla
100 gr. burro
1/2 bicchiere vino bianco
                                     brodo vegetale
                                 zafferano
                                 sale q.b.
                                 pepe q.b.

Per il ripieno
200 gr. ragù di carne
mozzarella a cubetti



Per la panatura:
due albumi
pangrattato


Per friggere:
olio di semi di arachidi o girasole





Per preparare il condimento prendi una padella e taglia a pezzetti ciò che serve per il soffritto di olio con (carote, cipolla e sedano). Fai rosolare ben benino e versa nella stessa pentola il tritato.
Raggiunta una cottura medio bassa, aggiungi i piselli, e al secondo step, versa nella pentola, la salsa di pomodoro e fai cuocere il tutto a fuoco molto basso. Sala e condisci con pepe a piacimento. ( E' preferibile fare il ragù il giorno prima)


Per preparare il riso per prima cosa prepara il brodo vegetale mettendo in una pentola dell'acqua con 1 carota, 1 costa di sedano ed 1 cipolla e lascia bollire per 20 minuti circa.Prendi una casseruola e mettici dentro 50 gr. burro ed il trito di una cipolla e lascia soffriggere dolcemente per 5/7 minuti circa.
Quando la cipolla avrà ceduto i suoi aromi al burro, con l'aiuto di un colino filtra il burro togliendo la cipolla. Rimetti il burro nella casseruola, alza la fiamma ed aggiungi il riso.
Comincia adesso la fase di tostatura del riso che dovrà essere mescolato nel burro fin quando non assume un colore ambrato. A questo punto,sfuma con il vino bianco. Una volta sfumato il vino aggiungi del brodo vegetale fino a coprire il riso e aggiungine ogni volta che viene assorbito, per ultimare la cottura.
In un bicchiere sciogli lo zafferano in un pò di brodo ed aggiungilo al riso (regolati in base al colore). Aggiungi un pò di sale che aggiusterai verso la fine.
Quando mancheranno 2 minuti alla fine della cottura, togli la casseruola dal fuoco,aggiungi 50 gr. di burro e manteca il riso dal basso verso l'alto. Quando il riso avrà assorbito il burro,versalo in un recipiente e lascialo raffreddare.

A questo punto disponi su un tavolo tutto ciò che serve per preparare le arancine:il contenitore con il riso,il ragù,un piatto fondo con gli albumi sbattuti,un piatto grande con del pangrattato al quale avrai aggiunto del sale,un recipiente per riporre le arancine una volta pronte.

Con una mano prendi un pugno di riso, disponilo sull'altra leggermente a conca e sistema il riso fino quasi a rivestire il palmo della mano.Prendi una cucchiaiata di ragù e disponila al centro del riso.Con la mano libera prendi un altro piccolo pugno di riso e cerca di dargli la forma di una arancia unendo le due parti delicatamente.Gira con l'aiuto di due cucchiai l'arancina negli albumi e poi passala nel pangrattato.Quando saranno tutte pronte friggeile.(Per la frittura è importante che l'olio sia abbondante).La fiamma deve essere media. Le arancine devono avere il tempo di diventare dorate e riscaldarsi all'interno.
Man mano che friggi le arancine riponile 
in una ciotola foderata di carta assorbente e lasciale riposare un paio di minuti prima di mangiarle per fare diffondere il calore anche all'interno.


A questo punto che dirvi...buon appetito!









43 commenti:

  1. Risposte
    1. I'm happy that my recipe will help you! :D

      Federica

      Elimina
  2. Li adoro... voglio provare la tua ricetta!!!!
    Kisssss
    Expressyourself
    My Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti sia piaciuta! Fammi sapere :D
      Baci

      Federica

      Elimina
  3. Che bontà, io sono un' ottima forchetta!!!
    Passa a trovarmi VeryFP

    RispondiElimina
  4. Carinissima anche l'impostazione del post

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Buonissima questa ricetta, voglio provare a farla!
    Alessia
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Kiss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :D poi fammi sapere la riuscita :)
      Baci
      Federica

      Elimina
  7. Da palerrmitana doc adoro le arancine, mia madre è una vera maestra, pensa che le ha fatte anche al salmone, una vera e propria delizia :)
    Ilenia's wardrobe
    http://ileniaswardrobe.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non le ho mai assaggiate, saranno una meraviglia :D
      A presto
      Federica

      Elimina
  8. Da provare questa ricetta! Grazie per la visita! Bacione
    www.nicoletadan.it

    RispondiElimina
  9. Stupenda questa ricetta! Un bacio Federica!
    ♥♥♥
    Jeanne
    http://fashionmusingsdiary.com

    RispondiElimina
  10. che meraviglia ricetta molto interessante la vorrei provare chissà il mio di risultato come sarà..ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È più difficile a dirsi che a farsi! A presto un bacio

      Elimina
  11. interessante questa ricetta, prendo nota!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Looks delicious :)

    lovely Greets!

    RispondiElimina
  13. Ciao Grazie della visita ^_^ buonissime queste arancine :P a presto, ciao!

    RispondiElimina
  14. Io vado pazza per gli arancini siciliani, quindi prendo nota della ricetta e prima o poi mi cimenterò! : )
    http://stylosophia.wordpress.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si sono proprio buone :D a presto
      Federica

      Elimina
  15. Io sono risofila e come tutti adoro i fritti, per cui impazzisco per queste piccole bombe dorate :) bravissima, sembrano strabuone!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! A presto :D
      Federica

      Elimina
    2. Grazie per essere passata da me, ricambio la visita e prendo nota della ricetta!

      Elimina
  16. devono essere delisiosi
    buon martedì
    http://tr3ndygirl.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente deliziosi! Buona giornata, a presto
      Federica

      Elimina
  17. Eccomi Federica! Piacere di conoscerti! Gli arancini non li ho mai fatti... Ora sono curiosissima di provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, piacere mio. Dovresti provare! A presto
      Federica

      Elimina
  18. Ciao Federica, adoro la cucina siciliana, sono stata in vacanza sulla costa est e alle eolie, mi sono ingozzata come un tacchino di tutte le delizie che la vostra terra offre, meravigliosa!!!
    Le arancine sono una mia mania, ne mangiavo almeno una al giorno!!
    Mi unisco ai tuoi lettori! Un abbraccio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' impossibile non mangiare da queste parti! Ricambio con piacere! A presto! :)

      Elimina
  19. Ciao! Da noi invece si usano i supplì di riso, completamente diversi per ingredienti e sapori. Gli arancini buoni buoni li ho mangiati proprio due giorni fa, slurp!!
    Ottima ricetta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche quelli sono buonissimi! Grazie mille ,a presto!

      Elimina